Barcellona FC

Il Barcellona FC è diventato uno dei club sportivi più importanti del mondo. Scopri la storia di un club leggendario, con un curriculum ricco di trionfi e personaggi iconici del mondo del calcio.

Le origini del Barcellona FC

Alla fine del XIX secolo, Barcellona – allora immersa in un processo di industrializzazione e di crescita urbana senza precedenti – conobbe un boom di attività sportive, soprattutto tra le classi più abbienti.

Nel 1899 lo studente Hans Gamper, guidato dalla sua passione per il calcio, decise di creare un club che organizzasse regolarmente partite di calcio. Dopo aver ottenuto il sostegno di una grande palestra e aver lanciato un appello attraverso la stampa sportiva locale, Gamper è riuscito a riunire le persone che facevano parte del nucleo originario del Barcellona Calcio. Il club si stava consolidando come uno dei principali riferimenti della nascente scena sportiva del Barcellona.

La fase iniziale del Barcellona Calcio è stata caratterizzata dalla costante ricerca di un campo adatto alle sue esigenze. I campi di un vecchio velodromo furono teatro delle prime partite di calcio, e dopo aver attraversato varie località, nel 1909 la squadra aprì il proprio stadio in via Industria, dove giocherà fino al 1922.

Dall’apertura del campo nel 1909, la squadra iniziò ad aggiungere trionfi nelle principali competizioni ufficiali dell’epoca, allo stesso tempo attirò un numero crescente di seguaci, fatto che costrinse il club a cambiare nuovamente stadio nel 1922. La decisione permise di rafforzare ulteriormente questa crescita , che terminò negli anni ’30, quando il crollo del mercato azionario del 1929 e la concorrenza di altre forme di intrattenimento contribuirono al declino delle adesioni.

Con lo scoppio della guerra civile spagnola nel 1936 e l’instaurazione della dittatura del generale Francisco Franco, Il Barcellona calcio entrò in un periodo molto buio, segnato dall’incertezza e dalle difficoltà economiche. Tuttavia, il club è stato in grado di superare le avversità e ha finito per riprendersi dalla sua situazione negli anni ’40, dimostrando la sua forza istituzionale e le sue radici sociali.

I titoli del Barça

Dopo essersi lasciato alle spalle il periodo più buio del dopoguerra spagnolo, Il Barcellona calcio ha compiuto uno storico salto di qualità nel 1950 grazie all’incorporazione dell’attaccante ungherese László Kubala. Il calciatore ha rivoluzionato il gioco della squadra e ha portato a una seconda età dell’oro che ha raggiunto il suo culmine nella stagione 1951-52, in cui Il Barcellona calcio ha prevalso in tutte le competizioni ufficiali a cui ha partecipato.

Kubala e i suoi compagni di squadra hanno forgiato la loro leggenda nella stagione 1951-52, quando, oltre al campionato e alla Coppa di Spagna, hanno vinto la Coppa Latina e i trofei Eva Duarte e Martini Rossi, un record che è servito a riaffermare l’egemonia del Barcellona FC.

Nella stagione 1991-92, il Dream Team ha realizzato il grande sogno dei tifosi del Barcellona vincendo la prima Coppa dei Campioni nella storia del club. “Abbiamo avuto una spina conficcata per molti anni e l’abbiamo tolta”, ha detto Johan Cruyff a proposito della vittoria.

Nel 2009, il Barcellona Calcio è entrato nella storia del calcio vincendo in sei diverse competizioni ufficiali: La Liga, la Coppa dei Campioni, la Coppa di Spagna, il Mondiale per Club, la Supercoppa Europea e la Supercoppa di Spagna. La squadra allenata da Guardiola ha riconfermato la sua posizione egemonica nella stagione 2010-11. Quando, oltre a conquistare il terzo scudetto consecutivo e la Supercoppa di Spagna, ha conquistato ancora una volta la Coppa dei Campioni.

Allenatori e giocatori del Barcellona FC

Nel corso della sua storia, la rosa del Barça è stata composta da grandi personaggi del calcio e allenatori di comprovato prestigio. Dall’arrivo dell’iconico Josep Samitier e di László Kubala che è stato il protagonista dei più memorabili trionfi del club negli anni ’50.

Con la sconfitta nella finale di Coppa dei Campioni del 1961, Il Barcellona FC ha concluso la favolosa fase di splendore sportivo iniziata un decennio prima con l’incorporazione di Kubala. Fu nel 1973 con l’arrivo di Johan Cruyff, che l’ottimismo tornò al Barcellona FC.

Negli anni ottanta, del Barcellona FC ha aumentato significativamente il suo patrimonio e la sua massa sociale. Nel 1979 si inaugurò La Masía, residenza per giovani promettenti tifosi del Barcellona; nel 1982 venne aumentata la capienza del Camp Nou e nel 1984 aprì i battenti il ​​Museo, testimonianza della lunga storia dell’istituzione del Barça.

La buona situazione economica ha consentito anche l’ingaggio di alcuni dei calciatori più desiderati del mercato. Personaggi come Diego Armando Maradona, Allan Simonsen e Bernd Schuster hanno fatto brillare il club blaugrana.

Nel 1988, Il Barcellona FC era in un momento critico. Il presidente Josep Lluís Núñez effettuò così una manovra sorprendente: la firma di Johan Cruyff come allenatore.

Oltre a rimodellare completamente la squadra, è stato proposto di implementare un nuovo stile basato sul controllo della palla e sul gioco offensivo. Questo sistema doveva essere adottato anche dalle categorie inferiori del club per garantire il rapido adattamento delle nuove generazioni al gioco della prima squadra. In questo modo, Il Barcellona FC diventerebbe una vera scuola di calcio, con uno schema di gioco distintivo. Cruyff è stato in grado di eseguire con successo il suo piano e plasmare il cosiddetto Dream Team. Hristo Stoichkov, Ronald Koeman, Txiki Begiristain e Pep Guardiola sono stati alcuni dei giocatori chiave di questo Dream Team.

Il declino del Dream Team

Il declino del Dream Team ha portato al licenziamento di Johan Cruyff nel 1996, che ha lasciato un vuoto enorme. Il Barcellona Calcio ha affrontato numerosi cambiamenti a livello sportivo e istituzionale, fino a quando l’arrivo del consiglio di amministrazione guidato da Joan Laporta. Che portò a un profondo rinnovamento dell’entità e alla creazione di una squadra molto competitiva da parte dell’allenatore Frank Rijkaard, con Ronaldinho come il grande stella.

Nel 2008, il consiglio di amministrazione del Barcellona FC si è rivolto a Pep Guardiola per sostituire Frank Rijkaard. Che nelle ultime due stagioni aveva ottenuto risultati molto discreti. Sfruttando il potenziale di un’irripetibile generazione di calciatori guidati dall’attaccante Leo Messi. L’allenatore Pep Guardiola ha portato Il Barcellona FC al suo periodo di massimo splendore.
Durante le quattro stagioni in cui Guardiola è stato alla guida della squadra. Il Barcellona FC ha vinto 14 titoli, tra cui tre scudetti, due Coppe dei Campioni e due Mondiali per club. Leo Messi, Xavi Hernández e Andrés Iniesta, hanno portato un immagine ed un esempio da seguire. Calciatori che hanno simboleggiato l’efficacia del modello sportivo applicato nelle categorie inferiori del club.

Nel 2014 è arrivato Luis Enrique, firmato per iniziare una nuova fase di successo. I successi della squadra si sono basati fin dalla prima stagione sulla spettacolare efficacia in gol del trio. Formato da Neymar, Messi e Suárez, considerata la migliore linea d’attacco della storia.

Di Miky