Cattedrale BarcellonaCattedrale Barcellona

La Cattedrale di Barcellona, ​​ufficialmente la Cattedrale della Santa Croce e di Sant’Eulalia, è un antico tempio con una facciata relativamente moderna. Infatti, dove sorge l’attuale cattedrale gotica, esisteva già dal IV secolo una cattedrale paleocristiana -i cui resti sono ancora visibili nel sottosuolo e nel Museo Storico della Città- che, dopo il grave deterioramento subito nell’invasione del caudillo L’Almanzor arabo, nel X secolo, sarebbe stato sostituito da un nuovo tempio romanico.

La costruzione dell’attuale tempio goticoNon sarebbe iniziato fino al 1 maggio 1298 sotto il regno di Jaime II d’Aragona, della durata di 150 anni. Tuttavia, la facciata che i visitatori possono vedere da Pla de la Seu è molto più recente: era alla fine del XIX secolo, dopo quattro secoli immutata, quando, in occasione dell’Esposizione Universale del 1888, l’industriale catalano Manuel Girona i Agrafel finanziò le spese per rifinire una facciata progettata nel XV secolo e mai realizzata. Fu così che l’architetto Josep Oriol Mestres si incaricò di realizzare il fronte neogotico , con i suoi due pinnacoli laterali, mentre Augusto Font Carreras pose la ciliegina sull’edificio con la cupola alta 70 metri, completata nel 1913.

La cripta di Santa Eulalia e il chiostro: seguendo la leggenda crudele della martire

Dedicata alla Santa Croce dall’anno 599, l’antica cattedrale paleocristiana acquisì una seconda dedica nell’anno 877. Quell’anno la basilica ricevette le reliquie di Santa Eulalia, patrona della città di Barcellona, che era stato trovato nascosto nella chiesa di Santa María del Mar.

La forza della leggenda di questa martire cristiana della fine del III secolo spiega i numerosi elementi della cattedrale a lei dedicata: una porta, vetrate, volta chiavi di volta, rilievi, immagini… La storia racconta che i romani applicarono a questa fanciulla fino a 13 martiri, tanti quanti era l’età: dall’imprigionarla e frustarla al torturarla su una graticola, bruciarle i seni, gettarla in una fossa di calce viva o un recinto pieno di pulci. Celebre è la nona tortura, che consisteva nel metterla nuda in una botte piena di vetri rotti, chiodi e coltelli per gettarla in un ripido vicolo che da allora prende il nome di Baixada de Santa Eulàlia. Infine fu inchiodato ad una croce a forma di croceche oggi è l’emblema della cattedrale.

La cripta di Santa Eulalia

Le spoglie della santa riposano nella Cripta di Santa Eulalia , sotto l’altare maggiore, in uno spettacolare sarcofago gotico in alabastro di Lupo di Francesco in cui sono scolpite scene di martirio. Nel bel giardino del chiostro gotico , popolato di palme, magnolie e aranci, si trova uno stagno dove scorrazzano tredici oche bianche in onore di Santa Eulalia, che aveva tredici anni quando fu torturata. Il chiostro conserva molte altre curiosità invisibili all’occhio non esperto.

Sul terreno possiamo vedere insegne che rappresentano corporazioni di mercanti e artigiani, alcuni dei quali si sono guadagnati la sepoltura qui per il loro sostegno finanziario al progetto della cattedrale. In un angolo del patio, dicono che porta fortuna lanciare una moneta in una fontanella con l’immagine di San Jordi che uccide il drago. Nella fontana centrale , che risale al XV secolo, si svolge ogni anno la tradizionale L’ou com balla in occasione della festa del Corpus Domini , quando un uovo viene fatto “ballare” ponendolo sul ruscello dell’acqua.

L’altra invocazione del tempio della cattedrale, la Santa Croce, è rappresentata anche nel chiostro in una serie di rilievi sulla leggenda dell’Albero della Santa Croce, oltre ad altri con scene dell’Antico e del Nuovo Testamento. La scultura che corona la grande cupola della cattedrale, opera dello scultore Eduard Alentorn, rappresenta Sant’Elena , madre dell’imperatore Costantino che secondo la leggenda trovò la Vera Croce sul monte Calvario.

Cripta Sant'Eulalia
Cripta Sant’Eulalia

Altri elementi essenziali della visita alla Cattedrale di Barcellona

Le dimensioni e la ricchezza ornamentale di questo tempio gotico fanno sì che si possa, se lo si desidera, passare ore a visitarlo. Per dare alcune figure che ne illustrano la grandezza, la Cattedrale di Barcellona ospita circa 40 cappelle , decorate con pale d’altare gotiche di famosi pittori catalani come Guerau Gener o Bernat Martorell, 215 chiavi di volta e 200 doccioni tra cui, oltre ai demoni, possiamo trovare un elefante, un toro e un unicorno. Il tempio ha anche 21 campane guidate dalla ribelle Honorata , rifuse nel XIX secolo dopo che Felipe V lo distrusse per aver suonato per annunciare -e incoraggiare- la rivolta del 1714.

Nonostante la vastità dell’insieme, ogni visita degna di nota deve passare attraverso la Puerta de San Ivo , l’ingresso principale e più antico della cattedrale per cinque secoli, dove un’iscrizione ricorda la data esatta del 1298 quando iniziò la sua costruzione. tempio. Una volta entrati, da non perdere l’ Altare Maggiore , sorretto su due capitelli provenienti dal primitivo tempio del VI secolo e presieduto dall’Esaltazione della Croce circondata da sei angeli, dello scultore Frederic Marès. Nella basilica riposano anche i resti di diverse personalità reali, che evidenziano le tombe del conte Ramón Berenguer I e di sua moglie, Almodis de la Marca, nonché il corpo incorrotto di San Olegario , vescovo di Barcellona nel XII secolo.

La nostra ultima tappa sono le terrazze , raggiungibili in ascensore dalla Cappella dei Santi Innocenti, che ci offrono un punto di vista diverso dei pinnacoli, della cupola e dei tetti della cattedrale, oltre che dei dintorni.

Museo della Cattedrale di Barcellona

Situato nella galleria nord del chiostro, accanto alla Cappella di Santa Lucía, merita una breve visita anche il museo, un tempo occupato da una mensa per poveri. Nella sua breve collezione pittorica spiccano la pala d’altare gotica del XV secolo di San Bernardino e l’Angelo custode , del pittore Jaume Huguet, e La Piedad di Bartolomé Bermejo. Ospita anche alcune reliquie come il fonte battesimale dell’antica cattedrale romanica e il più grande tesoro della cattedrale: la Custodia , un tabernacolo di oro, argento e gioielli che riposa sul trono del re Martí I El Humano.

L’organo della cattedrale

Costruito tra il 1537 e il 1539, l’organo della Cattedrale di Barcellona è di grande importanza artistica, liturgica e storica. A suo tempo la cassa dell’organo era chiusa con coperchi decorati a grisaglia dell’artista Pedro Pablo Serafín “el Griego”, che oggi sono distribuiti tra la sala espositiva della chiesa di San Severo (Calle de San Severo, 9) e il Museo della Sala Capitolare, nel chiostro della cattedrale.

Dopo aver subito un importante restauro dal 1985 al 1994, l’organo si mette a prova molto spesso nei concerti programmati ogni mese dai tre organisti attuali della Cattedrale di Barcellona.

Le terrazze della cattedrale

Dalle terrazze della Cattedrale di Barcellona si può ammirare un panorama molto particolare del centro storico di Barcellona. Attualmente possono essere visitati ed è un piano altamente raccomandato per tutti i tipi di pubblico, dato che si può salire con l’ascensore. Da qui si può percepire la maestosità di questo edificio gotico e contemplare da vicino i due campanili. I pinnacoli laterali, il chiostro e la cupola coronata dalla Santa Croce sorretta dall’immagine di Sant’Elena. Per salire sulle terrazze, devi acquistare un biglietto che ti permetta di vedere, a 360 gradi, tutta Monjuic, il Barrio Gotico, la Barceloneta o la Sagrada Familia.

Cappella del Santo Cristo di Lepanto

Le leggende si accumulano attorno al Santo Cristo di Lepanto, del XVI secolo, che si trova nella Cappella del Santísimo, appena sopra il sepolcro di San Olegario nella Cattedrale di Barcellona. Una delle leggende assicura che il Cristo fosse presente alla battaglia di Lepanto nel 1571, proprio nell’ammiraglia di Juan de Austria e che, grazie alla sua intercessione, i Turchi non poterono avanzare verso l’Europa. Un’altra leggenda dice che il Santo Cristo schivò un proiettile nel mezzo della battaglia ed è per questo che il suo corpo è inclinato. E una terza leggenda narra che fosse nella stiva della nave e che depose il suo corpo per coprire un buco che avrebbe fatto affondare la nave.

Cappella del Santo Cristo di Lepanto
Cappella del Santo Cristo di Lepanto nella Cattedrale di Barcellona

Orari di visita della cattedrale

Giorni lavorativi: 12:30-19:45

Sabato: 12:30-17:30

Domenica e festivi: 14:00-17:30

Prezzo di ingresso alla cattedrale di Barcellona

Biglietto intero: 7 euro.

Coro: 3 euro.

Terrazze: 3 euro.

Gratuito per motivi di “adorazione e preghiera”, al di fuori dell’orario turistico (comprende solo la visita al tempio e al chiostro).

Di Miky