La maestuosa Moschea di Cordoba

La Moschea di Cordoba anche chiamata Mezquita de Cordoba è uno degli edifici più emblematici della città di Cordoba e di tutta la provincia. È il monumento, insieme all’Alhambra di Granada, il più importante dell’architettura andalusa.
Era la seconda moschea più grande del mondo dopo la Mecca fino a quando nel 1588 la Moschea Blu di Istanbul la superò.

È stata dichiarata Bene di Interesse Culturale e Patrimonio Culturale dell’Umanità e la Moschea è stata visitata da quasi due milioni di persone nel 2018, essendo uno dei monumenti più visitati in Spagna.

Storia della Moschea di Cordoba

Con l’arrivo dei musulmani nella penisola iberica nell’anno 714, Muza fece la distribuzione della Basilica di San Vicente Mártir di origine visigota, dove da una parte si stabilì il culto islamico e dall’altra quello cristiano, sebbene questa convivenza non fosse facile.

La costruzione della Mezquita de Cordoba iniziò nel 786 sulla basilica, a causa del primo emiro omayyade di Cordoba, Abderramán I.Questa prima moschea di Cordoba è composta da undici navate longitudinali orientate verso il fiume Guadalquivir, costruite con alberi di colonne e capitelli da costruzioni romane e visigote.

Successivamente, Hisham I, il secondo emiro indipendente di Cordoba, fece alcuni interventi nella Mezquita de Cordoba, terminando il patio o sahn ed erigendo il primo minareto.

Al tempo di Abderramán II e con la crescita della città di Cordoba, fu necessario ampliare la Moschea di Cordoba per poter ospitare più fedeli nelle celebrazioni del venerdì. Questa espansione iniziò nell’833 e terminò nell’855.

Il primo califfo di Cordoba, Abderramán III, aumentò le dimensioni del cortile, demolì il minareto costruito da Hisham I e ne costruì uno nuovo che sarebbe stato un modello per altri minareti e campanili mudéjar.

Nel X secolo, approfittando della grandezza del califfato, furono effettuati gli interventi più estesi nella Moschea di Cordoba. Tuttavia, quello considerato più bello è quello di Alhakén II. In esso, il muro di qibla di Abderramán II sarebbe stato demolito, l’oratorio sarebbe stato ampliato, il doppio muro della qibla e la copertura del mihrab sarebbero stati costruiti, tra gli altri miglioramenti.

Con la continua crescita demografica di Cordoba, Almanzor ha realizzato un altro ampliamento della Moschea di Cordoba, ma in questa situazione sarà a est invece che a sud come nelle precedenti, a causa della vicinanza del fiume Guadalquivir. Per questo ha espropriato la casa colonica che si trovava nel luogo e ampliato il patio e l’oratorio.

Una volta che la riconquista di Cordoba fu effettuata nel 1236 da Fernando III, furono apportate varie modifiche alla Moschea di Cordoba, configurando l’attuale Cattedrale di Cordoba. Nel 1371 fu completata la Cappella Reale della Moschea-Cattedrale di Cordoba. La Cappella Maggiore suscitò polemiche perché con il passare del tempo si decise che occorreva maggiore dignità e nel XV secolo costruirono una nuova cappella dove si trovava quella vecchia del secolo. Tuttavia, il danno maggiore alla moschea di Cordoba sarebbe venuto con l’innalzamento di una navata cristiana nel mezzo della vecchia moschea, che avrebbe portato al pentimento.

È questa serie di interventi che hanno reso la Mezquita de Cordoba in realtà una miscela tra i valori artistici d’Oriente e d’Occidente, ricevendo il nome di Moschea-Cattedrale di Cordoba.

Ritratto antico della Moschea di Cordoba
Ritratto antico della Moschea di Cordoba

Struttura della Moschea di Cordoba

La Moschea di Cordoba è divisa in due parti facili da differenziare. Uno è la parte esterna del patio o sahn dove sono presenti diversi elementi come il minareto. L’altro è all’interno della Mezquita di Cordoba ed è diviso in cinque parti principali. In modo che tu possa capire meglio la struttura che segue, andremo parte per parte.

Cortile degli Aranci

Questo patio si è evoluto con i cambiamenti e gli ampliamenti che sono stati effettuati nella Moschea di Cordoba. Attualmente è lunga 130 metri e larga 50. Questo patio è noto come il Patio de los Naranjos a causa del numero di aranci che sono stati piantati all’interno dal XV secolo, sebbene ulivi e cipressi siano stati incorporati nel XVIII secolo.

In esso troverai la Fuente de Santa María e la Fuente del Cinamomo. Sotto il patio c’è una grande cisterna che fornisce l’acqua necessaria per le purificazioni di cui i musulmani hanno bisogno prima di entrare nella Mezquita de Cordoba.

Minareto

Costruito da Abderramán III, si trova attualmente all’interno del campanile. Questa è stata danneggiata da un forte temporale, che ha portato alla demolizione di parte del minareto per la riparazione. Si distingue nell’immagine esterna della Mezquita di Cordoba ed è visibile da diversi punti di Cordoba. Dall’alto si possono anche ammirare delle splendide viste sulla città di Cordoba e in particolare sul centro storico.

Foresta di colonne

La Moschea di Cordoba ha la caratteristica di essere la terza più grande del mondo. Ciò rende la successione di archi e colonne all’interno piuttosto impressionante, chiamata Foresta delle Colonne o Foresta delle Palme. Contiene un totale di 1.300 colonne e 760 archi, distribuiti su 23.400 metri quadrati.

Cattedrale di Cordoba

La Cattedrale di Cordoba si trova all’interno della Moschea di Cordoba, il che la rende un monumento unico al mondo. Le parti della cattedrale che meritano di essere evidenziate sono l’Altare Maggiore, la Croce e il Coro. La decisione di costruire la Cattedrale di Cordoba all’interno della Moschea di Cordoba ha creato molte polemiche e persino rimpianti, come hanno mostrato le parole di Carlos V “hai distrutto ciò che era unico al mondo e hai messo al suo posto ciò che può essere vedere ovunque ”. Tuttavia, ciò consente che quando visiti la Mezquita de Cordoba puoi apprezzare diversi secoli di storia nella stessa costruzione.

Mihrab

La preghiera è diretta verso di lui e rappresenta Alah all’interno della Moschea di Cordoba. Mentre in altre moschee solo una nicchia nella qibla, nella Moschea di Cordoba è uno spazio di grande qualità ornamentale con 3×3 metri.

Si trova vicino al maqsura e ciò che più colpisce è la sua decorazione esterna. È decorato con marmo, che mostra la grandezza che Cordoba aveva in passato.

Cappella di Villaviciosa

È stata la prima importante costruzione cristiana nella Mezquita di Cordoba. Lo costruirono nel lucernario e servì da Cappella Principale fino alla costruzione dell’attuale cattedrale.

Cappella del Tabernacolo

La sua importanza è dovuta ai dipinti e ai murales che lo adornano. Degno di nota è il dipinto della Santa Cena e la rappresentazione dei Santi Martiri di Cordoba.

Questi sono gli spazi principali che fanno parte della Moschea, ma al suo interno ospita diverse porte, balconi e cappelle che puoi trovare e goderti.

Mosche Cordoba dall'interno
Mosche Cordoba dall’interno

Curiosità della Mezquita de Cordoba

La Moschea contiene un gran numero di segreti al suo interno, alcuni sono stati scoperti, altri sono supportati da prove, altri sono solo leggende e altri rimarranno nascosti nella sua storia. Mostreremo alcuni di questi segreti che sono già diventati curiosità.

Colonna prigioniera

La leggenda vuole che ci fosse un prigioniero cristiano che fu catturato e legato fino alla sua morte nelle colonne della Moschea di Cordoba. Quest’ultimo, dimostrando la sua fede, ha saputo graffiare con i chiodi il marmo duro di una colonna e ha saputo disegnarvi sopra una croce. È ancora possibile vedere la colonna all’interno della Moschea di Cordoba e la croce che è incisa su di essa.

Colonna dell’inferno

Vicino alla colonna del prigioniero della Mezquita de Cordoba, c’è un’altra colonna che le persone grattavano con una moneta e provocavano un forte odore di zolfo. Una leggenda dice che l’inferno stesso ha scolpito la colonna. Tuttavia, la realtà è che è dovuto a una reazione chimica.

Cimitero della moschea di Cordoba

Come in molte delle antiche chiese, nella Moschea, essendo parte di essa considerata come una cattedrale, ci sono resti sepolti di grandi personaggi della storia. Tra questi vale la pena sottolineare Luís de Góngora.

Franco nella moschea di Cordoba

Terminata la guerra civile, voleva spostare gli elementi cristiani dalla Mezquita de Cordoba a un’altra chiesa per restituire la moschea agli arabi. Tuttavia, l’UNESCO ha impedito questo trasferimento.

La Moschea di Cordoba nel mondo

Dopo il disastro di Hiroshima, prelevarono i semi degli aranci dal cortile della moschea di Cordoba per piantare un giardino di pace in memoria delle vittime.

Wish Star

Situata in un angolo della Moschea di Cordoba, c’è una piccola stella che le persone di solito toccano quando le passano accanto per avere un desiderio esaudito.

Sabato

In precedenza c’era un passaggio nella Moschea di Cordoba che collegava il recinto con la fortezza degli Omayyadi. Avendolo costruito in modo che il califfo potesse passare inosservato, ma nel XVII secolo lo demolirono. Hanno tracciato dei segni sul terreno per trovare la sua posizione precisa.

Aleph

La leggenda dice che l’aleph è scolpito in una delle colonne della Moschea di Cordoba e che l’energia dell’universo converge in questa colonna, sebbene nessuno l’ abbia ancora trovata

Acqua delle donne single

C’è una tradizione intorno alla Moschea di Cordoba che dice che le donne single che vogliono trovare un partner devono bere l’acqua dalla Fontana di Santa María nel Patio de los Naranjos, dal tubo più vicino all’olivo.

Catena d’oro

All’interno della Moschea di Cordoba c’è una catena d’oro che girava su se stessa. Ora è breve, ma nei tempi antichi raggiungeva il suolo. Si ritiene che i vescovi che risiedevano nella moschea di Cordoba l’abbassarono ogni volta che avevano bisogno di effettuare un pagamento.

Dipinto di Gesù Cristo

Tra le diverse immagini cristiane che puoi trovare all’interno della Moschea di Cordoba, c’è un dipinto di Gesù Cristo di cui si dice che se lo guardi fisso negli occhi di Gesù Cristo, farà un segno in modo che tu possa esprimere un desiderio.

Statua di bue

Nella Cappella Principale della Moschea di Cordoba c’è una statua di un bue. Questa statua, secondo la leggenda, è in commemorazione di un bue che trasportava le colonne che si trova nella Moschea di Cordoba e che dopo aver trasportato le ultime cadde morto.

Tunnel segreto

C’è una leggenda che dice che c’è un passaggio che collega la Moschea di Cordoba con Medina Azahara. Nessuno ha scoperto questo tunnel, sebbene ci siano tunnel che non sono preparati per il passaggio delle persone.

Pietre blu

Nel Patio de los Naranjos della Moschea di Cordoba ci sono alcune pietre bluastre quadrate. Hanno fatto diverse speculazioni al riguardo, ma hanno definitivamente scoperto che proveniva da un vecchio serbatoio d’acqua.

Dove puoi parcheggiare vicino alla moschea?

Consigliamo Parcheggio della stazione ferroviaria di Saba Cordoba. Si trova vicino alla stazione ferroviaria di Córdoba e molto vicino al centro storico della città. Il parcheggio è ideale per lunghi soggiorni nel caso in cui si debba andare in vacanza e prendere il treno.

Le strutture rimangono aperte 24 ore al giorno, per tutta la settimana. C’è un sistema di telecamere di sicurezza per un maggiore comfort e tranquillità quando si parcheggia il veicolo. Offerto anche il servizio di car sharing. Inoltre, non ci sono limiti di altezza, quindi puoi parcheggiare il tuo furgone se vieni in città.

Situato a: Glorieta de las Tres Culturas, s / n 14011, Córdoba.
Se vuoi maggiori informazioni consulta gli orari, i prezzi e gli altri servizi sulla mappa o nelle schede dei parcheggi Saba.

Di Miky