Museo di Jaen

Il nuovo Museo Iberico di Jaen, inaugurato l’11 dicembre 2017 dal re Felipe VI e unico nel suo genere al mondo, nasce come istituzione museale di prim’ordine che raccoglierà le principali testimonianze materiali della cultura iberica. Attualmente è possibile visitare la mostra temporanea dal titolo “La signora, il principe, l’eroe e la dea”, in cui attraverso questi quattro personaggi prototipici del popolo iberico, il pubblico è invitato a fare un tour scientifico di questa cultura che ha avuto un ampio sviluppo nella provincia di Jaen e che durò oltre sei secoli, dal VI secolo aC fino alla dominazione romana. Inoltre, la mostra comprende un modulo per educare visitatori e turisti contro il saccheggio archeologico e la necessità di rispettare il prezioso patrimonio ricevuto; così come con uno spazio dedicato agli scolari per spiegare in modo didattico cosa significa arte iberica.

Il nuovo e spettacolare spazio espositivo comprende attualmente il monumento iberico di El Santuario Heroico de El Pajarillo, che si trovava a Huelma e datato al IV secolo a.C., a cui si aggiungono pezzi provenienti da altre parti della geografia andalusa. Infine, due nuove sculture sono state incorporate nella collezione permanente del Museo Iberico di Jaen, provenienti dalle tombe dell’aristocrazia iberica rinvenute nel sito del Cerro de los Molinillos (Baena, Córdoba); Sono un leone e una lupa realizzati in pietra calcarea di grande valore archeologico.

Il nuovo e spettacolare spazio espositivo comprende attualmente il monumento iberico di El Santuario Heroico de El Pajarillo, che si trovava a Huelma e datato nel IV secolo a.C., a cui si aggiungono pezzi provenienti da altre parti della geografia andalusa. Infine, due nuove sculture sono state incorporate nella collezione permanente del Museo Iberico di Jaen, provenienti da due tombe dell’aristocrazia iberica rinvenute nel sito del Cerro de los Molinillos (Baena, Córdoba); Sono un leone e una lupa realizzati in pietra calcarea di grande valore archeologico.

Il nuovo e spettacolare spazio espositivo comprende attualmente il monumento iberico di El Santuario Heroico de El Pajarillo, che si trovava a Huelma e datato nel IV secolo a.C., a cui si aggiungono pezzi provenienti da altre parti della geografia andalusa. Infine, due nuove sculture sono state incorporate nella collezione permanente del Museo Iberico di Jaen, provenienti da due tombe dell’aristocrazia iberica rinvenute nel sito del Cerro de los Molinillos (Baena, Córdoba); Sono un leone e una lupa realizzati in pietra calcarea di grande valore archeologico.

Due nuove sculture sono state incorporate nella collezione permanente del Museo Iberico di Jaen, provenienti dalle tombe dell’aristocrazia iberica rinvenute nel sito del Cerro de los Molinillos (Baena, Córdoba); Sono un leone e una lupa realizzati in pietra calcarea di grande valore archeologico. due nuove sculture sono state incorporate nella collezione permanente del Museo Iberico di Jaen, provenienti dalle tombe dell’aristocrazia iberica rinvenute nel sito del Cerro de los Molinillos (Baena, Córdoba); Sono un leone e una lupa realizzati in pietra calcarea di grande valore archeologico.

Edificazione

L’edificio in cui si trova il Museo è un’infrastruttura culturale moderna e all’avanguardia, costruita dalla Junta de Andalucía, con più di 11.000 metri quadrati e che ha richiesto un investimento di oltre 25,5 milioni di euro. Situato in Paseo de la Estación, nº 41 a Jaen, nel cuore della capitale. Il Museo Iberico di Jaen aspira a diventare un riferimento mondiale della cultura iberica a livello turistico, culturale e scientifico.

Ubicazione del museo di Jaen

Il Museo di Jaen si trova a 200 metri dal Museo Ibero, un contenitore di pezzi di arte iberica di straordinario valore, tra gli altri alcuni appartenenti al gruppo scultoreo iberico di Cerrillo Blanco de Porcuna. Le sculture, risalenti al V secolo a.C., raccontano la mitica storia di una stirpe aristocratica, dove le lotte dei guerrieri colpiscono per il loro grande realismo.

Di Miky