Alcazar CordobaAlcazar Cordoba

Pochi monumenti sono diventati immagini iconiche della città di Córdoba. Tra questi troviamo la Moschea e l’Alcazar di Cordoba anche chiamato l’Alcázar de los Reyes Cristianos. Ma, sebbene tutto il mondo conosce la Moschea, è un po ‘relegato in secondo piano l’ Alcazar. Vale la pena visitare questo castello medievale? La risposta è un sonoro sì.

La Storia del Alcazar di Cordoba

L’ Alcazar de los Reyes Cristianos, fortezza e palazzo dalle solide mura, racchiude gran parte dell’evoluzione architettonica di Cordoba. Resti romani e visigoti convivono con quelli di origine araba in questo maestoso sito, poiché era il luogo preferito dei diversi governanti della città. Quando nel 1236 Fernando III el Santo conquistò Cordoba, devasto il Palazzo del Califfato. Alfonso X il Saggio inizia il restauro, completato durante il regno di Alfonso XI.

Nel corso della storia gli sono stati attribuiti molteplici usi, come sede del Sant’Uffizio (Inquisizione), o prigione (nella prima metà del XIX secolo).

Il visitatore che intravede questa fortezza per la prima volta è sorpreso da una costruzione quasi rettangolare con ampi muri di conci di pietra e quattro torri che delineano gli angoli ( Los Leones, El Homenaje, La Inquisición e Las Palomas ) All’interno, le diverse unità sono articolate intorno a cortili con fiori esotici e bellissimi, erbe aromatiche e alberi rigogliosi. Le stanze ed i corridoi sono chiusi con cupole gotiche in pietra.

In una delle gallerie di accesso è esposto un sarcofago pagano del primo quarto del III secolo. Sul fronte mostra un altorilievo su un’allegoria del passaggio del defunto verso l’aldilà attraverso una porta socchiusa.

Da tutte le sale spicca una piccola cappella barocca: la Sala dei Mosaici, in cui sono esposti pezzi romani di questo tipo provenienti dai sotterranei della Corredera. Sotto questa stanza si trovano i bagni di ispirazione araba, suddivisi in tre stanze a volta con lucernari stellati. Questi comunicano con la caldaia situata sotto la Torre del Homenaje.

Dei due cortili, il Mudejar attira l’attenzione per la sua bellezza. Con la pavimentazione in marmo, il mormorio dell’acqua che percorre i canali e le piscine rinfresca l’atmosfera e rilassa il visitatore stanco. I vasti giardini che chiudono il complesso mostrano la monumentalità e lo splendore di questo Alcazar di Cordoba.

Alcazar Cordoba dall'alto
Alcazar Cordoba dall’alto

Il meglio dell’Alcazar di Cordoba

L’Alcazar di Cordoba è stato costruito strategicamente sulle rive del fiume Guadalquivir, a sud-ovest della città vecchia. Situato a pochi passi dal famoso e pittoresco quartiere ebraico , lo troverete facilmente percorrendo le strette vie del centro storico.
Entrando nel castello è possibile salire sulla Torre dei Leoni . Nonostante sia una salita significativa, valgono i panorami spettacolari dall’alto: si può vedere l’intera città e la natura circostante.
Dalla Torre de Leones si accede alla Torre del Homenaje. Le altre torri non sono aperte al pubblico.

Vari manufatti recuperati dall’Alcazar sono esposti nella galleria sottostante. Tra i reperti c’erano resti di epoca romana, moresca e cattolica che rappresentano l’evoluzione della città di Cordoba e della Spagna nel corso dei secoli. C’è anche una sala per le cerimonie nella galleria . Le sue pareti sono parzialmente ricoperte da mosaici romani, il che conferisce alla stanza un elemento aggiunto molto interessante.

Un’altra delle sorprese dell’Alcàzar di Cordoba è fuori dall’edificio: il suo impressionante patio e giardino. Quando i califfi moreschi regnarono a Cordoba ricostruirono il geande patio interno

I re Fernando e Isabel los Católicos aggiunsero il grande giardino, ma il suo stile contiene influenze dai giardini e dai cortili moreschi. Girovagando per il giardino, è difficile evitare di pensare ai bellissimi giardini arabi del Generalife di Granada.

Un edificio straordinario dove è stata fatta la storia è l’Alcazar de los Reyes Cristianos. Se stai programmando una vacanza a Cordoba , non perdertela!

Alcazar Cordoba fontana principale
Alcazar Cordoba fontana principale

Informazioni pratiche

Biglietti

– Adulti: 4,50 €

– Bambini fino a 13 anni: gratis

– Studenti (con tessera studenti): € 2,25

È inoltre possibile acquistare il Braccialetto turistico che dà accesso all’Alcázar, al Museo Julio Romero, ai bagni arabi dei califfi e al Museo della corrida. Prezzo: 8,40 € (gratuito per gli over 65).

Programma

– dal martedì al venerdì: dalle 08:30 alle 20:45

– sabato: dalle 08:30 alle 16:30

– domenica e festivi: dalle 08:30 alle 14:30

Di Miky